Diario di Pinocchio 20202065 | Roberto Corradino

  • Diario di Pinocchio 20202065 - Roberto Corradino - screen Michele Tomaiuoli
  • Diario di Pinocchio 20202065 - Roberto Corradino - screen Michele Tomaiuoli
  • Diario di Pinocchio 20202065 - Roberto Corradino - screen Michele Tomaiuoli
  • Diario di Pinocchio 20202065 - Roberto Corradino - screen Michele Tomaiuoli
  • Diario di Pinocchio 20202065 - Roberto Corradino - screen Michele Tomaiuoli
  • Diario di Pinocchio 20202065 - Roberto Corradino - screen Michele Tomaiuoli

Diario di Pinocchio 20202065

Roberto Corradino – Bari

drammaturgia, regia e interpretazione Roberto Corradino
con Roberto Corradino e gli spettatori
tecnica Michele Di Stasi

Pinocchio è tutti i bambini, gli adolescenti, i burattini familiari che siamo stati. I burattini statali, contribuenti, professionalmente realizzati o disoccupati. Flessibili. Fino a essere dinoccolati, disarticolati, fino a non essere più. Che fine ha fatto Pinocchio dopo esser diventato ragazzo e poi uomo in carne ed ossa? Ha avuto una famiglia, una donna, un uomo, ha avuto dei figli? E che ne pensava la preside della scuola di Pinocchio dopo l’episodio dell’incendio? Per vent’anni non ne abbiamo saputo più nulla. Ora si ritorna sul luogo del delitto. Ci ritroviamo tutti a scuola, quella dove Pinocchio è stato bambino, ragazzino, adolescente. Conveniamo vent’anni dopo, tutti noi, i personaggi di questa storia collodiana che è l’Eatalya, come testimoni di una cerimonia genealogica, un libro Cuore malato, un’iniziazione collettiva in ritardo che prova a raccontarsi la biografia culturale, il modello identitario, la nostra storia personale nazionale sullo sfondo della Grande Storia.

Reggimento carri teatro | Roberto Corradino, esplora la tradizione del teatro d’attore in una dimensione vicina all’happening in una vicinanza perturbante e che richiede una presa di posizione cosciente allo spettatore. Ha lavorato in teatro con Mimmo Cuticchio, Martinelli/Montanari Teatro delle Albe, Maria Maglietta, Pippo Delbono, Sandro Lombardi e Federico Tiezzi, Eimuntas Nekrosius. Nell’ottobre 2000 crea Reggimento Carri teatro, collaborando con festival e strutture nazionali, quali Es.terni, Fit Lugano Festival, Kismet OperA, Festival Castel dei Mondi, Teatri di Vetro. Tra i suoi lavori Piaccainocchio, Perché ora affondo nel mio petto da Pentesilea di Kleist, Conferenza/Nudo in semplice anarchia dal Riccardo II di Shakespeare, Le muse orfane di M.M.Bouchard, Cuore come un tamburo nella notte da De Amicis, Making of Le pays lointain de Jean Luc Lagarce, Le Braci, L’Osso Duro da Kafka, Senza volontà di cattura, Parla con mia madre, L’unica casa certa.

Vincitore del Premio Tuttoteatro.com alle arti sceniche Dante Cappelletti 2020 assegnato con la seguente motivazione:

Sfruttando uno dei pochi grandi luoghi comuni della letteratura nazionale che sia anche un mito dello spettacolo contemporaneo, Roberto Corradino torna con Diario di Pinocchio 20202065 sul luogo del delitto di ogni moderna nascita artistica: un’adolescenza smisuratamente lunga che si rifiuta di entrare nell’età adulta e preferisce soccombere o dileguarsi piuttosto che tradire se stessa e la smodatezza dei propri sogni. Imbastito con gli esigui frammenti di una leggenda sfacciatamente personale, il suo diario è un itinerario performativo ambientato in quella che potrebbe essere una scuola, una prigione o un museo, ma che a conti fatti è soltanto una scena disseminata di ready-mades e di tracce autobiografiche vere o presunte dove la risata anarchica del burattino che non vuole diventare bambino si confonde con la feroce parodia del mainstream artistico contemporaneo. Una visita guidata governata da una presenza scenica carismatica che con ironia e disinvolta, quanto dolente auto-ironia mette a nudo la marginalità di ogni arte e di ogni vita artistica nel mondo in cui la cultura è da tempo divenuta una merce e un consumo tra gli altri. E se come scriveva Guy Debord, “la saggezza non arriverà mai” – perché è solo un altro conformismo – Roberto Corradino conferma, con la coerenza del suo percorso di autore e di attore, che il teatro, sempre sull’orlo del fallimento, resta uno degli ultimi spazi in cui la scintilla di un’altra verità possa tornare a brillare almeno per un momento.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.